Una storia che parte nel diciottesimo secolo.

Gli opifici industriali della Calabria antica, il vento che soffia sui campi e che accarezza le piante di Glycyrrhiza. Un sapore inconfondibile, che parte dalla Calabria per arrivare al Grand Prix dell’Esposizione Universale di Parigi fino alle esportazioni in tutto il mondo dei giorni nostri.

La storia della NatureMed e della sua liquirizia di Calabria DOP parte da lontano. È nel 1886 che la famiglia Zagarese, proprietaria di terreni in cui si coltivava la Rigulizia Cordara, installa un opificio per la lavorazione della radice di liquirizia. Un primo insediamento artigianale, rivolto esclusivamente ad amici e parenti, che ben presto si allarga fino a diventare una realtà consolidata in tutta Europa che conquista numerosi premi in Italia e all’estero, come le medaglie d’oro ad Anversa e Nizza nel 1894 e il Grand Prix all’esposizione Universale di Parigi nel 1900. Subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, in Calabria rimangono in piedi solo piccoli conci (opifici dediti alla produzione artigianale di liquirizia), in numero molto limitato che, con l’andare avanti degli anni, scompaiono quasi del tutto.

La radice di liquirizia, un tempo fiore all’occhiello della produzione calabrese, inizia a scarseggiare e ad essere scartata in favore degli agrumi e si rischia una diminuzione pressoché totale della coltivazione di questa preziosa radice.

Sopravvivono solo due aziende, una delle quali è proprio la Zagarese che trova la sua salvezza non appena viene ceduta, alla fine degli anni ’90, alla Nature Med. La storia della liquirizia Zagarese arriva, infatti, fino ai giorni nostri grazie alla determinazione della famiglia Massarotto, che nel 1996 rileva gli insediamenti produttivi fondando la Nature Med. Inizia così una nuova fase che vede il risanamento aziendale ed una nuova gestione che porta il nuovo brand ad essere uno dei più importanti interlocutori nel mondo della produzione e commercializzazione di liquirizia.

La Nature Med decide di collaborare con diversi agricoltori ad un progetto integrato di filiera avente diversi ed importanti obiettivi, raggiunti a pieno: impiantare nuovi liquirizieti, fare diffondere nuovamente ed ampliare la cultura e la coltura della radice di liquirizia nel territorio regionale e soprattutto quello di riuscire ad ottenere, da parte della Regione Calabria, il riconoscimento ufficiale dell’intera Filiera della Liquirizia, al fine di ridare una dignità a tutto il comparto e di ridurre ed auspicabilmente eliminare del tutto, il rischio, sempre più realistico, di utilizzo di materia prima straniera da parte di aziende collocate nel territorio calabrese.

Adesso Nature Med è punto di riferimento, in Italia e nel mondo, della vera liquirizia bio e di origine protetta di Calabria.